Herpes Simplex

Gli herpes simplex virus o HSV fanno parte della famiglia degli herpesvirus che causano la formazione dell’herpes.

I tipi più conosciuti e diffusi sono l’herpes simplex di tipo 1 e l’herpes simplex di tipo 2. Il primo tipo provoca la formazione di piccole pustole sulla bocca e nelle zone circostanti, nello specifico può colpire le labbra, il naso e l’interno delle narici e perfino le guance. L’herpes simplex 1 può anche causare la formazione di herpes genitale tramite un contatto diretto tra la bocca e i genitali, ma normalmente è il secondo tipo che attacca le zone intime.

Il secondo tipo, come accennato poco fa, attacca i genitali e si manifesta con la formazione di vescicole pruriginose sul pene, sulla vagina (in particolare sulle grandi e piccole labbra), sull’ano e sui glutei.

L’herpes simplex virus attacca il corpo quando si abbassano le difese immunitarie, per questo motivo bisogna prestare particolare attenzione ad alcune situazioni più a rischio che possono scatenare una reazione. Qui di seguito trovi elencate le situazioni di maggiore rischio:

  • esposizione al sole
  • febbre
  • mestruazioni
  • stress emotivo
  • malattie di qualsiasi tipo

Come si contrae l’Herpes Simplex?

L’herpes simplex utilizza piccoli tagli, abrasioni, graffi oppure mucose per entrare nel corpo e il momento di maggiore contagio avviene quando le bolle, ormai ripiene di liquido giallognolo, esplodono. L’herpes simplex di primo tipo si contrae attraverso la saliva e qualsiasi contatto diretto con la zona infetta, per questo motivo il bacio è il modo più comune per contrarre l’herpes labiale. Il secondo tipo invece si diffonde tramite rapporti sessuali, ma anche tramite semplici sfregamenti tra le parti intime.

herpes simplex virus foto

Nonostante il virus, spesso, non sia visibile perché dormiente, bisogna prestare particolare attenzione quando si hanno rapporti con persone infette. Questo perché anche se il virus non è attivo si rischia di rimanere infettati tramite lo scambio di fluidi corporei come la saliva o lo sperma.

Un altro modo molto comune di trasmettere l’herpes simplex è tra madre e figlio, la donna infatti può trasmettere l’infezione al suo bambino durante il parto, soprattutto se l’infezione è in corso al momento del parto.

Uno studio recente ha dimostrato che circa il 60% degli italiani ha contratto l’herpes simplex di tipo 1 nella fase adolescenziale della propria vita. Per quanto riguarda l’herpes simplex di tipo 2 è stato stabilito che le donne hanno un rischio più alto di contrarre il virus, infatti 1 donna su 4 rimane contagiata. Tutto ciò dipende soprattutto dall’apparato genitale femminile che è strutturato in modo tale da far ristagnare il liquido seminale all’interno del proprio corpo per favorire il concepimento. Purtroppo questo tipo di sistema favorisce anche una maggiore esposizione alle malattie veneree e in questo caso all’herpes.

Sintomi dell’Herpes Simplex 1 e 2:

Normalmente il primo sfogo di herpes è anche quello più forte, perché il corpo non è preparato all’attacco del virus. Nel tempo le eruzioni cutanee si stabilizzeranno e saranno meno violente. Ci sono tutta una serie di sintomi che si possono notare prima della comparsa delle bolle. Nell’herpes simplex di tipo 1 si accusano spesso formicolii o bruciori intorno alla bocca o al naso, febbre, mal di gola e ingrossamento dei linfonodi del collo. Nell’herpes simplex di tipo 2 molti sentono una sensazione di formicolio nei genitali, sui glutei e sulle cosce. Le donne possono avere perdite vaginali. Altri spesso palesano febbre, dolori muscolari, mal di testa, gonfiore delle ghiandole linfatiche all’inguine e infine difficoltà e dolore durante la minzione.

Se Cerchi una Cura Definitiva per l’Herpes Simplex Virus e Vuoi Evitare la Comparsa di Nuovi Sfoghi.
>>Clicca qui<<

Herpes Simplex
4.8 (96.71%) 85 votes

Herpes Genitale

L’herpes genitale o herpes genitalis è una malattia molto fastidiosa della pelle che di norma colpisce le zone intime come il pene, la vagina, la cervice (collo dell’utero), l’ano, i glutei e le mucose genitali, ma a volte anche le labbra e la bocca. La causa scatenante di questa malattia, è uno dei ceppi dell’herpes virus e nello specifico l’herpes simplex di tipo 2 (HSV2) anche se capita molto frequentemente che sia causato dall’herpes simplex di tipo 1 (HSV1) ovvero il virus che provoca l’herpes labiale.

Come si viene contagiati dall’Herpes Genitale?

L’herpes genitale può colpire sia l’uomo che la donna e normalmente si contrae tramite contatto diretto tra le zone intime dei partner, quindi parliamo di attività sessuali quali masturbazione, sfregamento dei genitali, rapporti sessuali, rapporti anali, scambi di fluidi e secrezioni e rapporti orali. In quest’ultimo caso, può accadere che uno dei due partner, sia affetto da herpes labiale e che praticando sesso orale, infetti le parti intime del compagno. Un altro caso molto frequente di contagio, si verifica quando uno dei due partner è affetto da herpes genitale e sottoponendosi ad un rapporto orale contagia la bocca del compagno.

herpes genitale

Purtroppo uno dei rischi dell’herpes genitale femminile anche conosciuto con il nome di herpes vaginale, è il concreto pericolo di contagiare il proprio bambino alla nascita.

Invece, in casi molto rari può capitare che si trasmetta l’herpes genitale per via indiretta mediante asciugamani, lenzuola infette o water sporchi.

Sintomi dell’Herpes Genitale:

Normalmente il virus dell’herpes si insinua nel corpo passando per piccole ferite o abrasione della pelle. Prima della comparsa, che di solito avviene tra i 4 e i 7 giorni dal momento del contagio, si accusa prurito, formicolio e sensibilità alterata nella zona colpita e a volte sintomi influenzali.

Durante gli episodi più acuti si possono presentare sintomi secondari come la febbre alta, difficoltà durante la minzione (fare pipì) e gonfiore nella zona inguinale.

Il primo sfogo è sempre il più violento e si manifesta con la comparsa di vesciche che scoppiano, lasciando la pelle viva esposta. Le ferite sono dolorose e pruriginose e sono altamente infettive fino alla totale formazione delle croste. Alcune volte, soprattutto nelle fasi iniziali, l’herpes può manifestarsi anche nelle zone circostanti che sono collegate tramite terminazioni nervose ai genitali, in particolare cosce e glutei. Il virus si riaffaccia ogni qualvolta si accusa particolare stanchezza o stress e si verifica un calo di anticorpi.

Come curare l’Herpes Genitale:

Al momento la cura dell’herpes prevede due tipi di trattamenti che i medici prescrivono per ridurre gli effetti degli sfoghi di herpes genitale:

Creme Topiche – comprendono tutte quelle creme che si applicano localmente per attenuare il bruciore e far passare prima l’infezione. Di solito si applicano più volte al giorno fino alla scomparsa dello sfogo e vengono prescritte in abbinamento con dei farmaci antivirali per via orale per una maggiore efficacia.

Farmaci antivirali – per uso orale possono essere assunti preventivamente oppure durante l’apparizione di qualche focolaio. Questi farmaci rallentano la crescita e la diffusione del virus nel corpo e dovrebbero favorire una più rapida formazione delle crosticine. I più utilizzati e prescritti sono i farmaci a base di Aciclovir. In Italia questi farmaci vengono venduti da diverse case farmaceutiche e tra i più famosi ci sono lo Zovirax, il Valtrex, il Famvir, il Vectavir e tanti altri con lo stesso principio e funzionamento.

Se cerchi una cura per l’herpes genitale a base naturale e che renda la tua vita libera dall’incubo di nuovi sfoghi.
>>Clicca qui<<

Herpes Genitale
4.6 (92.07%) 121 votes

Che cos’è l’herpes?

In primo piano

La prima volta che sono andata dal medico con le labbra piene di pustole o vescicole, come le ha chiamate lui, ho fatto l’errore di pronunciare nella stessa frase le parole cura herpes. Volevo solo sapere se fosse possibile trovare una cura per eliminare l’herpes dalle mie labbra per sempre, la risposta che mi ha dato è stata questa: “Purtroppo il virus dell’herpes si annida nei gangli nervosi e non è possibile eliminarlo. L’unica cosa da fare è imparare a conviverci”.

Quello che però nessuno dice, è che molti virus, anche più gravi, vengono ridotti ad uno stato di quiete perenne in modo da non essere lesivi per la vita della persona. Quindi la prima cosa da fare per sapere come curare l’herpes ed evirare che ritorni, è capire che cos’è l’herpes, come si sviluppa, quali sono le cause e i sintomi e quanti tipi di herpes esistono.

L’herpes è un virus che causa la formazione di vesciche ripiene di liquido sulla pelle. Viene considerata una malattia altamente infettiva che causa dolore. Il contagio avviene tramite contatto diretto e indiretto. Il più delle volte si contrae il virus mediante rapporti sessuali, baci o sfregamenti tra due persone, ma può succedere che si contragga anche tramite oggetti infetti come spazzolini, asciugamani, bicchieri, tovaglioli, rossetti, posate e tutto ciò che può essere stato a contatto con le zone infette.

Prima di arrivare alla cura dell’herpes dobbiamo capire le cause e le tipologie di herpes esistenti. Ci sono diversi ceppi dell’herpesvirus, ma i più diffusi e conosciuti sono tre:

Herpes Labiale – Questo tipo di herpes è causato dall’herpes simplex virus e provoca la formazione di vescicole sulle labbra e in alcuni casi anche sul naso, nelle narici, nella bocca e nella zona intorno alle labbra. Queste bollicine piene di liquido, provocano prurito, dolore e una forte infiammazione della zona interessata.

Herpes Genitale – L’herpes genitale si sviluppa dopo un contagio diretto con l’herpes simplex virus e colpisce i genitali, i glutei, la zona anale e in alcuni casi (es. rapporti orali) la bocca e le labbra. La sintomatologia è stessa dell’herpes labiale, ovvero piccole vesciche piene di liquido che provocano prurito e dolore specialmente durante le prime apparizioni.

Herpes Zoster – Più comunemente definito con il nome di “Fuoco di Sant’Antonio”, questo tipo di herpes fa parte della famiglia degli herpesvirus ed ha la particolarità di essere lo stesso virus che causa la varicella. L’herpes zoster provoca la comparsa di una grande quantità di bollicine sulla schiena oppure sul petto, a volte anche sul collo e sui fianchi. Questi sfoghi sono spesso accompagnati da febbre, mal di testa e forti dolori.

L’herpes tende a manifestarsi nei momenti di particolare stress o di calo delle difese immunitarie. I soggetti colpiti devono astenersi dall’avere contatti diretti delle parti interessate, finché le bollicine non saranno esplose e si sarà formata la crosta. Solo allora i rischi di contagio saranno scongiurati.

E se ti dicessi che puoi evitare di soffrire di herpes?
Se vuoi scoprire la cura dell’herpes definitiva che ti permetta di curarti a casa e senza dolorosi trattamenti.
>>Clicca qui<<

Che cos’è l’herpes?
4.7 (93.14%) 688 votes